l’italiano Beat

“Insolente al di là del sopportabile e strafottente nella più assoluta imprevedibilità, qualunque cosa abbia detto o scritto ha sempre rivelato il dono di non dire mai una sciocchezza.”

è così che la scrittrice Fernanda Pivano definisce Gregory Corso.

mamma pugliese e papà calabrese, Gregory Nunzio Corso nacque a New York il 26 marzo del 1930. la famiglia instabile lo mette subito davanti alla cruda e amara realtà della vita.

fu uno dei poeti della Beat Generation; sì, c’è anche un italiano tra i poeti Beat.

come i suoi noti colleghi, anche Corso girò il mondo e si avvicinò alla cultura durante i suoi avanti-e-indietro al riformatorio.

 “Gregory era un ragazzino duro dei quartieri bassi che crebbe come un angelo sui tetti e che cantava canzoni italiane con la stessa dolcezza di Caruso e Sinatra.”

come lo descrive Jack Kerouac.

dopo un periodo di prigionia tornò in libertà nel 1950, e a new York conobbe Ginsberg. Corso rimase subito affascinato dalle poesie del suo collega, che poi lo presentò al suo gruppo di amici Beat e lo aiutò anche a trovare un editore.

la vita di Gregory si svolse a lungo in Europa, soprattutto a Parigi dove trascorse quasi dieci anni, nel “Beat Hotel” del quartiere Latino. visitò anche l’Italia, soprattutto la capitale Roma, in cui tenne diverse letture.

ed è proprio a Roma che sono conservate le ceneri di Gregory, e il luogo nel quale egli stesso chiese espressamente di essere sepolto fu all’interno del cimitero cattolico del Testaccio, accanto alla tomba di Shelley, quello Shelley che lesse durante la sua prigionia e al quale spesso si ispirò nello scrivere le sue poesie. poco lontano dalla sua tomba, riposa anche John Keats, altro poeta del quale Gregory aveva da sempre subito il fascino.

Il Beat è qualunque uomo che rompa il sentiero stabilito per seguire il sentiero destinato.

9019_-_Roma_-_Cimitero_acattolico_-_Tomba_Gregory_Corso_(1930-2001)_-_Foto_Giovanni_Dall'Orto,_31-March-2008

Annunci

la San Francisco di Jack Kerouac

Schermata 2015-04-18 alle 12.51.52

una città che da sempre vanta un mix di culture che si fondono perfettamente tra loro, una città che pulsa e nella quale pulsa anche un’anima Beat; anche Kerouac, infatti, vi soggiornò.
intraprendiamo insieme un viaggio, lungo le tappe che ispirarono la Beat e che, ancora oggi, sembrano conservarne tutto il fascino…

_MG_8566a1

Jack Kerouac Alley

questo vicolo, interamente dedicato a Kerouac, conserva tutto il fascino delle insegne e delle targhe che inneggiano al padre della Beat, e sembrano chiamare il suo nome. questa strada, a lui intitolata, presenta anche altri simboli legati alla Beat Generation, come ad esempio i vari café letterari nei quali gli artisti Beat si riunivano.

San Francisco - Downtown_11

– City Lights Bookstore –

questa è la più famosa tra le librerie Beat e sulle sue finestre si possono anche leggere dei versi poetici. questa non è una semplice libreria che ospita tutti i bestseller letterari, ma è la vera e propria anima filosofica di San Francisco, un’anima agitata, politica, narrativa, in cui tutto si mescola e riesce a trasmettere il senso di ribellione, il senso della Beat Generation.

4223167033_484af6035e_z1

– Vesuvio Cafe – 

all’incrocio tra Broadway e la Colombus Avenue si può ammirare questo suggestivo Café in cui Kerouac era solito passare le sue serate. edificio bohémien, rimasto inalterato dagli anni, conserva ancora tutta l’anima degli anni ’60 e quella di tutti i letterati che vi si riunivano.

Ginsberg-with-other-Beat--007

– Six Gallery –

purtroppo oggi, al posto di questo storico locale, c’è un ristorante, ma già il solo nome riesce ad evocare quell’ottobre del 1955, anno in cui Allen Ginsberg lesse pubblicamente per la prima volta “Urlo“. Kerouac era qui quando Ginsberg fece la sua prima lettura, e si ricordano le sue urla da ubriaco, mentre incitava il suo amico… in perfetto Kerouac style.

Io avevo solo 12 anni quando ho visitato per la prima volta San Francisco. allora non conoscevo la Beat,Kerouac, né la sua vita avventurosa e il suo spirito ribelle. mi sono ripromessa di tornarci e di percorrere ad uno ad uno questi luoghi della Beat.

so, see you soon, San Francisco.

home I’ll never be

ora premete play, chiudete gli occhi, immaginate di essere in macchina, durante un viaggio.
chi vi sta accanto non è un conoscente, un amico. è Jack Kerouac.
sì, è proprio lui a cantarla.

tonight I also wrote a song,

called On The Road…

buon
viaggio*

I left New York in 1949
To go across the country without a bad blame dime
Montana in the cold cold fall
Found my father in the gambling hall

Father, Father where have you been?
I’ve been out in the world and I’m only ten
Father, Father where you been?
I’ve been out in the world and I’m only ten

Don’t worry about me if I should die of pleurisy

Across to Mississippi, across to Tennessee
Across the Niagara, home I’ll never be
Home in ol’ Medora, home in Ol’ Truckee
Apalachicola, home I’ll never be

Better or for worse, thick and thin
Like being married to the Little poor man
God he loves me (God he loves me)
Just like I love him (just like I love him)
I want you to do (I want you to do)
Just the same for him (just the same for him, yeah)

Well the worms eat away but don’t worry watch the wind
So I left Montana on an old freight train (on an old freight train)
The night my father died in the cold cold rain (in the cold cold rain)

Road to Opelousas, road to Wounded Knee
Road to Ogallala home I’ll never be
Road to Oklahoma, road to El Cahon
Road to Tahachapi, road to San Antone

Hey, hey

Road to Opelousas, road to Wounded Knee
Road to Ogallala, home I’ll never be
Road to Oklahoma, road to El Cahon
Road to Tahachapi, road to San Antone

Home I’ll never be, home I’ll never be

da Harry Potter ad Allen Ginsberg

nella pellicola “Kill Your Darlings” (Giovani Ribelli), film ispirato alla Beat Generation e basato sulla vera storia dell’omicidio di David Eames Kammerer per mano di Lucien Carr, Daniel Radcliffe, attore divenuto famoso per il ruolo del maghetto di Hogwarts, ha avuto l’onore di interpretare il ruolo di uno dei padri della Beat, Allen Ginsberg.

reg_1024.allen.daniel.ls.6512

che somiglianza!

l’Allen Ginsberg che viene raccontato nel film è un giovane ragazzo appena approdato nel mondo dell’università americana, in particolare la Columbia University of New York, per studiare letteratura. L’incontro con l’apparentemente innocuo ma ribelle e spregiudicato Lucien Carr cambierà per sempre la sua vita, anche perché sarà proprio in questa università che Ginsberg farà la conoscenza di Burroughs e di Kerouac; questi ultimi, rimasti talmente traviati dal tragico esito dell’amicizia con Carr, conclusasi con l’assassinio del suo amante, decideranno in seguito di dedicare un libro alla vicenda dal nome “E gli ippopotami si sono lessati nelle loro vasche“, seppur con una trama più romanzata e con i nomi dei protagonisti cambiati.

insomma, in questo film Daniel Radcliffe dimostra la sua statura artistica e la sua grande crescita, interpretando magistralmente il giovane poeta Beat, regalando emozioni soprattutto nell’intenso rapporto con la madre e nei suoi coinvolgimenti amorosi.
non c’è più la magia di Hogwarts, ma quella del mondo reale, o meglio ancora, del mondo Beat.

danielrad-1

jazz on

vedendo la cerimonia degli Oscar 2015, domenica sera, mi sono imbattuta in questa frase, contenuta nel film candidato “Whiplash“:

Sai che Charlie Parker divenne “Bird” perché Jones gli tirò un piatto in testa?

Charlie Parker, lo stesso a cui Kerouac chiede di pregare per lui, il jazzista beat, folle e ribelle.

Per loro il jazz, il be-bop in particolare, non è semplicemente la «colonna sonora» di un’«avanguardia letteraria»; be-bop e beat generation si fondano, sì, in contesti sociali e culturali diversi, ma si fondono in un’unica new vision, che opera una frattura con i valori ed i linguaggi dominanti, per cantare le liberazioni da tutto.

(Fernanda Pivano)

quello che oggi voglio pubblicare, è il suo vinile composto da 12 tracce, il cui nome è Bird: The Original Recordings of Charlie Parker, un album intero che vi catapulterà nel mondo di Parker e nel mondo del be-pop.

Enjoy 🙂